Delfini Del Ponente - Costabalenae.it

Bottlenose Dolphin Research Project

Tag: passione (Page 1 of 2)

Avventure delle ultime settimane!

[Eng below] Ciao a tutti!

Lo scorso fine settimana è stato ricco di emozioni, e si è concluso in bellezza domenica con l’avvistamento di un gruppo molto numeroso di delfini. Purtroppo c’era molto traffico in mare, soprattutto dal momento che si trovavano davvero vicini alla costa, ed erano quindi evidentemente stressati; nonostante ciò siamo comunque riusciti ad avvicinarci a loro e fotografarli, e l’ultimo gruppetto di loro si è rivelato anche molto attivo accanto allo Zodiac!

avventure delle ultime settimane: Erica prima di partire per il survey

Nei giorni successivi, le condizioni meteo non sono state delle migliori per poter uscire in mare, ma questo non ci ha fermati ed abbiamo quindi lavorato in ufficio sulla foto-identificazione dei delfini avvistati durante diverse uscite. Anche se potrebbe sembrare più noioso che uscire in mare, in realtà non lo è affatto; certo, non tutti sono facili da identificare, e Maisie ed io stiamo imparando a cogliere le piccole differenze che ci permettono di distinguerne alcuni che a primo impatto sembrano lo stesso esemplare. Inoltre, solo in questo modo possiamo monitorare la popolazione dei delfini; ogni volta si spera sempre di trovare nuovi esemplari, e poi dovreste vedere certi musetti che vengono presi in foto!

Giovedì pomeriggio, poi, Davide ci ha tenuto una lezione riguardante l’ecologia e la geomorfologia del Mar Mediterraneo, ovviamente concentrandosi poi sul Mar Ligure. È incredibile come un mare relativamente piccolo come questo possa avere tante caratteristiche particolari, fra una propria circolazione di masse d’acqua, canyons e montagne sottomarini, che rendono questo mare l’habitat ideale per diverse specie di mammiferi marini.

avventure delle ultime settimane: musetto di tursiope

Infine, per terminare nel migliore dei modi la settimana, questo weekend ci saranno le condizioni ideali per uscire di nuovo in mare, sperando di avvistare più delfini possibile, quindi oggi ci godremo il giorno libero per poter dare il massimo nei prossimi giorni!

Incrociamo le dita, ciao!

Erica

Hi everyone!

Last weekend was so full of emotions, and it ended well with the sighting of a very large group of bottlenose dolphins on Sunday. Unluckily, there was a lot of boat traffic, likely because they were very close to the coast, and they were evidently stressed; but despite this, we succeed in approaching and photographing them, and the last small group was very active near the Zodiac!

avventure delle ultime settimane: dalla corsara

In the following days, the weather wasn’t favourable for going out to sea, but this didn’t stop us and so we worked in the office on the photo-ID of the dolphins seen during other sightings. This may seem more boring than going on the boat, but it isn’t at all; not all of them are easy to identify, and Maisie and I are learning how to notice the little differences that allow us to distinguish certain individuals that are very similar. This is how we can monitor the dolphins’ population; every time we hope to find some new individuals. Their cute faces are something everyone should see!

On Thursday afternoon Davide gave us a lesson about the ecology and the geomorphology of the Mediterranean Sea, obviously focusing on the Ligurian Sea. It’s incredible how a relatively small sea like this could have so many particular characteristics, like its own circulation of water masses, underwater canyons and mountains, which make this sea the ideal habitat for different marine mammal species.

After the high winds this week, finally a calmer weekend is forecasted to be the perfect weather to go out with the Zodiac, hoping to see the most dolphins possible, so today we will enjoy the day off to rest so we are ready for the next days!

Fingers crossed, bye!

Erica

avventure delle ultime settimane: tursiope in back breach

News da Rose, la nostra Intern Coordinator!

[Eng below] Ciao a tutti, è di nuovo Rose che vi parla!

Son già passate tre settimane da quando sono arrivata ad Imperia e ho iniziato il mio lavoro come Intern Coordinator per il progetto Delfini del Ponente e lo adoro!

I survey per monitorare i delfini sono stati fantastici, la città è favolosa e sto mantenendo la promessa di testare regolarmente la qualità del gelato (il gusto nutella è al primo posto in classifica al momento!).

Il team di Agosto con Davide, Project coordinator e Rose, Intern coordinator  Il tempo che trascorriamo in mare è il mio preferito e ho addirittura fatto il mio primo avvistamento la scorsa settimana, quando per prima ho visto un gruppo di tursiopi. E’ stato davvero emozionante vedere apparire le loro pinne attraverso il binocolo, e ha reso le ore trascorse pazientemente in ricerca altamente ricompensate!

Ho anche visto le stenelle striate, super giocose sotto la prua del gommone, e 3 balenottere comuni hanno reso il giorno di whale watching sulla Corsara davvero spettacolare. Anche il resto della fauna marina avvistata non è stato meno entusiasmante- ho avvistato molti uccelli marini, inclusi i fenicotteri che non avevo mai visto prima in natura e ora sono in grado di riconoscere tra le berte minori e maggiori piuttosto bene. Per non parlare dei pesci luna!

Davide, project coordinator e Rose, Intern coordinatorFa davvero piacere essere parte di questo team, siamo anche stati in paesi vicini per esplorarli, mangiare ottimo cibo e fare yoga. Essere qui e lavorare a questo entusiasmante progetto è davvero bello e sono contenta di essere ancora all’inizio del mio periodo qui- ricco di molti altri cetacei (speriamo!), snorkeling (assolutamente) e gelato (senza alcun dubbio!) in arrivo!

Oh, dimenticavo…il mio italiano sta migliorando giorno dopo giorno!

Ciao, alla prossima!

Rose

 

Hello again, Rose here.

It has almost been three weeks since arriving in Imperia and starting my role as intern coordinator for the project and I am loving it!

The dolphin surveys have been fantastic, the town is gorgeous and I am keeping up my promise of regularly taste testing the infamous gelato (nutella is top of the leaderboard at the moment).

Time out at sea is my favourite time and I even made my first sighting last week, where I was first to spot a group of bottlenose dolphins. It is a real thrill to see their fins appear through your binoculars and makes the hours of patience so rewarding.

Rose, Intern coordinator durante i monitoraggiI’ve also seen striped dolphins, they were bow riding and being very playful, and three fin whales made my day on the Cosara pretty spectacular. The other marine fauna hasn’t disappointed either – I’ve seen many birds, including flamingos, which I have never seen in the wild before and can relatively successfully differentiate between Scopoli’s and Mediterranean Shearwaters. The sunfish are pretty cool too!

It’s a great team to be a part of and we have been on lovely trips to the nearby villages to explore, eat food and for yoga.

Rose, Intern coordinator con Jack in visita a Bussana VecchiaBeing here and working on such an exciting project has been brilliant and I am very happy to still be near the beginning of my time here – with many more cetaceans (hopefully), snorkeling (definitely) and ice cream (absolutely!) to come.

Oh, and did I mention my Italian is coming along nicely…

Ciao, alla prossima

Rose

La settimana delle ‘prime volte’!

[Eng below] Ciao a tutti,

È da poco finita la prima settimana di stage qui ad Imperia ed è stata veramente incredibile! Indubbiamente una settimana di ‘prime volte’ per quanto mi riguarda!

Il primo survey sul gommone abbiamo visto una mamma tursiope con un cucciolo, apparentemente il primo neonato dell’estate! La seconda uscita invece abbiamo incontrato due piccoli gruppi di tursiopi, davvero sereni e tranquilli nelle calme acque del Ponente…e ho anche visto il mio primo pesce volante, decisamente più piccolo di quello che mi aspettavo!Maisie e la prima volta sul whale watching

L’uscita successiva era presente anche Enrico, un ornitologo che lavora con Costa Balenae già dall’anno scorso..e ovviamente non abbbiamo visto delfini ma centinaia di uccelli, sia berte minori che maggiori! Probabilmente i tursiopi se la stavano spassando nella parte di levante dell’area di studio e quindi non li abbiamo incontrati. La stessa mattina abbiamo imparato grazie ad Enrico quali sono le specie di uccelli marini avvistabili in questa area ed è stato davvero interessante. Tantissimi appunti presi…ma le mie capacità di identificare gli uccelli sul campo sono ancora ‘work in progress’!

La quarta uscita di monitoraggio è stata fantastica: ci siamo ritrovati circondati da un gruppo di tursiopi, di cui 20 identificati direttamente sul campo e molti cuccioli presenti a fianco delle mamme! E’ stata una giornata speciale anche perché ho incontrato una nuova specie di cetacei per quanto riguarda i miei avvistamenti personali: le stenelle striate!  Un bel gruppo di questi simpatici delfini che sono venuti a nuotare sotto la prua del gommone. Son davvero diversi dai tursiopi sia in dimensione che in modalità di approcciarsi alle barche, davvero molto più giocherellone!

le prime stenelle striate di Maisie

Per completare la mia settimana di ‘prime volte’, Erica ed io siamo state a bordo di Whale Watch Imperia. Il team è davvero accogliente e non solo abbiamo visto le berte maggiori che si cibavano su una mangianza di tonni, ma anche un gruppo di stenelle e un capodoglio! Il mio primo incontro con un grande cetaceo, stupendo! Stava in superficie per riposarsi e sembrava molto tranquillo, quando poi ha deciso di immergersi è stato possibile intuire le enormi dimensioni di questo animale. E’ salita la coda ed ecco che è scomparso nelle profondità del Mar Ligure.

Questa settimana di ‘primi incontri’ è stata fantastica e non posso ringraziare il Team Costa Balenae a sufficienza per questa opportunità. Spero ci saranno tanti altri post carichi di avventure e incontri emozionanti da qui a fine mese!

Maisie

Hi everyone,

We have finished our first week here in Imperia and it has been nothing short of incredible! It has definitely been a week of ‘firsts’ for me!

The first survey on the zodiac we saw a bottlenose dolphin mother and calf, the first calf seen this summer season! The day after we saw two small groups of bottlenose dolphins, so graceful and beautiful in the water and I also saw my first flying fish, much smaller than I anticipated!

grande movimento tra tonni che saltano e uccelli marini che ne approfittano per procacciarsi il pranzo

The third trip we had Enrico, an ornithologist who worked with the Costa Balenae team last year and typically we saw no dolphins but lots of birds, both Scopoli’s shearwaters and Mediterranean shearwaters among others. I think the dolphins were playing on the East side of the study area that day so we must have missed them. The morning of this day was spent learning about the marine birds found in this area of the Ligurian sea by Enrico, which was really interesting. Lots of notes were taken and my bird ID skills in the field are a ‘work in progress’!

The fourth time out this week was amazing as we became surrounded by a pod of bottlenose dolphins, with 20 identified in the field and multiple calves present too! This trip was really special as I got to see my first cetacean species other than a bottlenose dolphin after this encounter. We found a pod of striped dolphins further out and some even came to bow ride the zodiac. They were fantastic to see and so different in character (and size) to the bottlenose, seemed a lot more playful in the water.

To complete my week of ‘firsts’, Erica and myself went on board the Whale Watch Imperia boat. The team on the boat are lovely and welcoming and not only did we see Scopoli’s shearwaters feeding on some very active tuna, but we also saw a small pod of striped dolphins and a sperm whale! My first encounter with a ‘whale’, and it was beautiful. It was logging in the water for a few minutes and to see the water rippling over the body was serene. The sperm whale proceeded to dive down again allowing us on the boat to appreciate the full size of the animal (especially compared to the small striped dolphins). Up went the tail and down it swam.

This week of ‘firsts’ has been fantastic, and I can’t thank the team at Costa Balenae enough for giving me this opportunity. Hopefully there will be more exciting posts like this to come from Erica and myself.

Maisie

Erica, da Torino per studiare i tursiopi!

Ciao!

Sono Erica, ho 20 anni e provengo da un piccolo paese in provincia di Torino. Sono iscritta al corso di laurea triennale in Scienze Naturali presso l’università di Torino, di cui devo iniziare il secondo anno, con l’intenzione di specializzarmi poi in biologia marina.Fin da bambina ho sempre amato la natura, in particolare il mare ed i delfini, e stare in diretto contatto con essa.

Quando ho scoperto il progetto di ricerca “Delfini del Ponente” ho subito contattato Costa Balenae, ed ora eccomi qui a Imperia, felicissima di avere la possibilità di conoscere al meglio le fantastiche creature che abitano il Mar Ligure. Credo davvero che questa possa essere un’ottima opportunità per chi, come me, vorrebbe lavorare nella ricerca e nella salvaguardia delle specie e degli ambienti marini, e sono grata di poter fare la mia prima esperienza in questo campo insieme ad un team come questo.

Per ora, Davide ed Elena hanno spiegato a me e l’altra stagista come usare l’attrezzatura a bordo e come comportarsi durante le uscite in mare, ed anche Rose è molto disponibile per ogni nostro dubbio, ma non vedo l’ora di poter vedere i delfini! Vi aggiornerò nelle prossime settimane,

a presto!

Erica

binocular on the zodiac

Hi!

I’m Erica, I’m 20 years old and I come from a little city near Turin. I’m a student of the school of Natural Science at the University of Turin, in which I will begin the second year, with the intention to specialize in marine biology.Since I was a child I have loved nature, in particular the sea and dolphins, and to stay in direct contact with it.

When I found the research project “Delfini del Ponente” I immediately contacted Costa Balenae, and now I’m here in Imperia, so happy to have the possibility to know better the amazing creatures that live in the Ligurian Sea.  I really think that this could be a good opportunity for who, like me, would work in research and in safeguarding of marine species and environments, and I’m so grateful to can have my first experience in this field with a team like this. For now, Davide and Elena explain to me and the other intern how to use the equipment on board and how to behave when we go out to sea, and also Rose is very available to help us if we need it, but I can’t wait to see the dolphins!

I’ll update you in the next weeks,

see you soon!

Erica

office work

Dagli States ecco John, detto Jack!

Ciao!

Mi chiamo John Barkowski e ho 24 anni. Sono americano, di Boston, Massachusetts, che si trova a nord-est degli Stati Uniti. A dicembre finirò la triennale in scienze ambientali con particolare attenzione in scienze marine, alla University of Massachusetts, Boston. Mi piacerebbe continuare con un master nel campo dei mammiferi marini, per questo quest’estate sto facendo più esperienza possibile!

Al momento sto lavorando ad una tesi per la mia università sullo studio della concentrazione e tipo di microplastiche nella dieta della foca grigia (Halichoerus grypus) in Massachusetts. Prima di arrivare in Italia il primo di luglio, ho fatto un mese di tirocinio con il Namibian Dolphin Project, dove ho studiato i tursiopi (Tursiops truncatus) e il cefalorinco di Heaviside (Cephalorhynchus heavisidii) a Walvis Bay, Namibia. Prima di tornare in Namibia farò un mese di tirocinio con il team del progetto Delfini del Ponente.

Da quando sono piccolo sono sempre stato affascinato dai mammiferi marini, specialmente cetacei. Dove vivo c’è una grande quantità di mammiferi marini e sono stato abbastanza fortunato da crescere con un facile accesso a queste meravigliose creature! Quest’estate è stata la mia prima esperienza fuori dagli Stati Uniti e non sono sicuro di volerci tornare! Già dopo pochi giorni ad Imperia ne sono rimasto affascinato! Soprattutto dai bellissimi panorami e dal numero di mammiferi marini. È un privilegio per me poter far parte del progetto Delfini del Ponente in un posto così unico!

Non vedo l’ora di perfezionare le mie conoscenze come ricercatore, sia sul campo che in ufficio e so che Delfini del Ponente è quello che fa per me. E non vedo l’ora di conoscere un po’ della ricchissima cultura italiana!

Jack

Jack con lo scheletro di  una balena

Hello!

My name is John Barkowski and I am 24 years old. I am an American, from Boston, Massachusetts, which is located in the north east corner of the United States. I will finish my bachelor’s degree in Environmental Science with a concentration in Marine Science in December 2019 at the University of Massachusetts, Boston. I hope to get a Master’s degree in the field of marine mammalogy and so I am spending my summer getting as much research experience as I can!

I am currently working on a thesis for my university studying the concentration and type of microplastics in the diet of Grey Seals (Halichoerus grypus) in my home state of Massachusetts. Before arriving in Italy on July 1, I spent a month interning with the Namibian Dolphin Project, studying bottlenose dolphins (Tursiops truncatus) and Heaviside’s dolphins (Cephalorhynchus heavisidii) in Walvis Bay, Namibia. I will spend the month of July as an intern with Delfini del Ponente before returning to the Namibian Dolphin Project.

Since I was a child I have been fascinated by marine mammals, particularly cetaceans. My home area has a high density of marine mammals and I have been fortunate enough to grow up with easy access to these amazing creatures. This summer has been my first time travelling outside of the United States and I am not sure if I will ever return! After just a few days in Imperia, I am fascinated with the beautiful landscapes and the range of marine mammals. It is a privilege to be able to assist Delfini del Ponente in such a unique place.

I am excited to hone my skills as a researcher, in both field work and lab work, and I know Delfini del Ponente is the perfect place to do so. I am equally excited to experience some of the rich culture of Italy!

Jack

Jack durante la veleggiata Delfini del Ponente

Dal Belgio…ecco Severine!

Ciao!

Mi chiamo Severine e ho 23 anni, vengo dalla parte Est del Belgio. Mi sono da poco laureata con un master in Biology of Organisims and Ecology con una specializzazione in etologia alla University of Liege in Belgio.

Da quando sono piccola sono sempre stata affascinata dagli animali. Mi interessa soprattutto il loro benessere e protezione. Appena prima di iniziare l’università ho iniziato ad appassionarmi particolarmente alla fauna acquatica, in particolare le specie marine.

Purtroppo in Belgio non ho avuto occasione di studiare i mammiferi marini durante il mio percorso di studi. Quindi, per aumentare le mie conoscenze in questo campo, ho deciso di informarmi da sola e cercare un tirocinio ed è così che ho trovato la cooperativa Costa Balenae.

Far parte del progetto di ricerca “Delfini del Ponente” come intern è una grande opportunità di acquisire esperienza ed è un primo passo verso la realizzazione del mio sogno di partecipare attivamente alla protezione di queste creature maestose.

Severine

My name is Severine and I am 23 years old. I come from the East part of Belgium. I have recently obtained a Master’s degree in Biology of Organisms and Ecology with a specialization in Ethology at the University of Liege in Belgium.

Since my childhood, I have always been fascinated by animals. I am particularly aware of their well-being and protection. Just before starting University, my passion progressively headed towards aquatic fauna and in particular marine species.

However, in Belgium, I have not really had the occasion to study marine mammals during my studies. Hence, in order to gain knowledge in this domain, I decided to learn on my own, read some books and look for an internship, which is how I found the cooperative Costa Balenae.

Taking part to its research project “Delfini del Ponente” as an intern is therefore a great opportunity to gain experience and it is a first step towards realizing my dream, which is to actively participate in the protection of these majestic creatures.

Severine

Dal Belgio la nostra intern Severine

I dati…dopo le uscite!

(ENG below)

L’opportunità di osservare l’area di studio all’interno del Mar Ligure alla ricerca di tursiopi (Tursiops truncatus) dal gommone in una bella giornata è solo la metà del nostro lavoro per questo progetto di ricerca. Durante i nostri survey collezioniamo dati su barche, reti da pesca, uccelli, tartarughe e pesci che incontriamo, oltre ovviamente agli avvistamenti di mammiferi marini. Quindi una volta finito il lavoro in barca abbiamo molto da fare tornati in ufficio!

Nei giorni in cui non è possibile uscire in mare, lavoriamo in ufficio per organizzare e analizzare i dati raccolti. Trascriviamo i datasheet del survey e degli avvistamenti e ci aggiungiamo le coordinate GPS. Studiamo meticolosamente le foto dei delfini per riconoscere gli individui. Inoltre importiamo su GIS le coordinate e le date degli avvistamenti degli individui visti più frequentemente. Anche se tutto questo sembra molto semplice, ci vogliono diverse ore di lavoro al computer per essere sicuri che tutto sia fatto nel migliore dei modi.

Mettere insieme tutti i dati collezionati durante i survey è la parte più semplice e può essere fatto da noi volontari abbastanza velocemente, importando prima i punti GPS e poi trascrivendo le coordinate sul datasheet. Poi trascriviamo tutto su un foglio Excel, assicurandoci che tutto combaci. Questa è la parte più semplice.

rielaborazione dei dati in ufficioIl processo di foto identificazione è quello più tedioso, ma anche quello più gratificante, e poi diciamocelo, chi non vorrebbe guardarsi centinaia di foto di delfini? Durante ogni avvistamento, si cerca di stimare quanti individui erano presenti e i fotografi (Elena, Davide o Sara) cercano di fotografare ogni animale. La foto ideale per questo scopo è uno scatto della pinna dorsale, a fuoco e di entrambi i lati.

Questo significa che anche per gruppi piccoli possono esserci centinaia di foto; molte delle quali sfuocate o di acqua. Ce le guardiamo tutte! Prima vengono quelle non utilizzabili, le discard, visioniamo tutte le foto e spostiamo i “no” qui. Poi scegliamo un individuo e scorriamo tutte le foto per trovare tutte quelle in cui è presente, riconoscendolo da segni particolari nella pinna, come cicatrici e parti mancanti e le mettiamo tutte in una cartella. Facciamo la stessa cosa per ogni delfino e poi compariamo le foto con un catalogo già esistente per identificarli.

Ma non finisce qui! In ogni cartella di ogni individuo cerchiamo le foto migliori di entrambi i lati della pinna e tutte le foto che presentano dettagli utili del corpo (come cicatrici e altri segni particolari), la faccia e la coda. WOW!

Usiamo Qgis, un software per creare delle mappe con la posizione degli avvistamenti di ogni delfino. Usando le coordinate di ogni avvistamento possiamo visualizzare i loro spostamenti su una mappa dell’area di studio. Non vi dico neanche dell’analisi statistica!

L’utilizzo di tutte queste tecniche e strumenti, per analizzare tutti i dati raccolti durante le uscite in mare, porta ad avere delle utilissime informazioni che possono essere presentate alla comunità scientifica e al mondo. Sarà anche un duro lavoro, ma è anche divertente!

Mike

The opportunity to scan the survey area of the Ligurian sea for Tursiops truncatus from the zodiac on a sunny day is only half of what we are working on for this research project. During these surveys, we record data on boats, fishing gear, bird, turtle and fish species we encounter and of course encounters with marine mammals. Once we are done on the boat, then we have lots to do back in the office!

On the days we are not out on the water, we are working in the office to manage and analyze all the collected data. Sheets from surveys and sightings get transcribed and GPS coordinates are added. Photos of dolphins are meticulously studied to identify individuals. Dolphins that are regularly sighted have the coordinates and dates imported into our GIS software. While this may all sound very straightforward, it takes many hours of work at the computer to make sure everything is in its place.

Putting together the data collected on the most recent survey is the easiest and can be done by some motivated volunteers relatively quickly by first importing the GPS waypoints, then reading the coordinates to each other to fill out the paper forms. We then transcribe all the numbers from the sheets to the electronic data forms, making sure to match everything up. This is the easy part.

The photo Identification process is by far the most tedious, but also quite rewarding and, hey, who doesn’t want to look at hundreds of pictures of dolphins? During each dolphin sighting, it is estimated how many individuals were present and the photographer (Elena, Davide or Sara) must get photos of each one. The ideal ID photo is a full-frame for the dorsal fin in focus, one of each side. This usually means that even for a small group, there can be a few hundred photos; many of which may be blurry or out of focus or even just a shot of water. We get to go through all of them! First comes the discards, which are just completely unusable photos. We go through all the photos and move all the “no’s” here.

Next we pick one individual and go through to find all the photos that match this individual’s particular markings, in this case we look for nicks and chunks taken out of the dorsal fin, and put them in a folder. We will do this for each individual dolphin and then compare these images to the existing photo ID catalog to create a positive identification. We are not done yet! Within each folder of each dolphin, we need to save the best ID photo of each side of the dorsal fin as well as any photos that include details of the body (such as scars and other marks), the face, and the flukes. Whew!

dopo la fase in mare, è necessaria la rielaborazione dei dati raccoltiWe use GIS software to map the sightings of each dolphin using Qgis, an open source mapping program. Using the coordinates for each sighting, we are able to visualize these moments on a map of the study area along the Ligurian coast. I will not even begin on statistical analyses!

It is the utilization of all these tools to process all these data that links going out on the zodiac to survey the area to useful, presentable information that can be published to the scientific community and the world. It may be a lot of work, but it is also fun!

Mike

Serena…alla ricerca dei primi cetacei in libertà!

Serena rimarrà con noi per ben due mesi…le auguriamo un’esperienza ricca di incontri emozionanti con i cetacei e gli altri abitanti del Santuario!

Scienze è sempre stata la mia materia preferita e nonostante alle superiori abbia deciso di studiare lingue, questa mia passione non si è mai spenta.

Quando poi è stato il momento di iscriversi all’università ho deciso di abbandonare il mondo linguistico, per poter seguire fino in fondo la mia passione. Mi sono quindi iscritta alla facoltà di Scienze Naturali di Torino e ho approfondito le mie conoscenze nel campo della botanica e della biologia.

Dopo la triennale ho deciso di andare all’estero, sperimentare qualcosa di nuovo e mi sono iscritta alla magistrale ‘’Gestione dell’Ambiente’’ di Montbéliard, in Francia.

Quest’anno nel piano carriera era compreso uno stage di due mesi e verso ottobre mi sono messa alla ricerca di un tirocinio. Appena ho letto del progetto ‘’Delfini del Ponente’’ ho compilato in fretta e furia il modulo per l’iscrizione, sperando di essere scelta.

Il mondo dei cetacei mi ha sempre appassionata e la possibilità di conoscere meglio questi mammiferi così particolari mi ha conquistata fin da subito.

Mi hanno presa nel team e adesso sono qui in Liguria… è da pochi giorni che abbiamo iniziato a lavorare con Davide ed Elena, non abbiamo ancora fatto escursioni in mare, ma le lezioni a cui abbiamo assistito e le prime trascrizioni dei dati sono molto interessanti.

Non vedo l’ora di uscire in mare aperto, non ho mai visto dei cetacei dal vivo nel loro habitat naturale e sono sicura che quando accadrà sarà un’emozione unica.

Serena

 Serena non vede l'ora di avvistare i cetacei nel loro habitat naturale

Science has always been my favorite subject, and although I have decided to study languages in high school, my passion has never faded.

When it was time to enroll at university, I decided to leave the linguistic world and follow my real passion. Therefore, I signed up for a triennial degree in natural sciences, and I enhanced my knowledge in the field of botany and biology.

After these three years, I decided to go abroad, to experiment something new and I enrolled in the master ” Environment Management ” of Montbéliard, in France.

This year the career plan included a two-month internship and in October I started looking for an internship. As soon as I read about the project ” Delfini del Ponente ” I quickly filled out the registration form, hoping to be chosen.

The cetacean world has always fascinated me and the chance to better study these particular mammals has won me over immediately.

They took me in the team and now I’m here in Liguria… it’s been a few days since we started working with Davide and Elena, we haven’t done a sea excursion yet, but the lessons and the first transcriptions of the data are very interesting.

I look forward to going out in the open sea, I’ve never seen cetaceans in their natural habitat and I’m sure that when it happens it will be a unique emotion.

Serena

La nostra stagista Serena, neolaureata, entusiasta di partecipare ad un progetto sui cetacei

Una passione che arriva da lontano!

Ecco a voi Daniele, uno dei primi stagisti del 2019!
Devo ringraziare mio nonno se ho scelto biologia come strada.
Ricordo ancora quando mi parlava dei dinosauri, delle piante, perfino dei batteri, andavo alle elementari e raccontavo con gioia ai miei amici di ogni mia nuova scoperta.
Crescendo, è cresciuta la mia curiosità, quello stesso stupore che avevo da bambino è rimasto ancora oggi, quando scopro ogni giorno qualcosa di più sulla vita a livello molecolare e atomico.
Mi pongo ogni giorno la famosa domanda “cos’è la vita?”
Penso che qualunque biologo debba cominciare a cercare la risposta proprio laddove la vita è nata: in fondo al mare.
Non a caso, animali a dir poco stupendi e forse ben più saggi di noi, una risposta l’hanno trovata, rinunciando al peso della vita sulla terra, tuffandosi nel profondo blu per sempre.
Daniele
 Daniele davanti a quel profondo blu in cui è nata la vita...e dalla quale parte la passione per la biologia!
I have to thank my grandfather if I have chosen biology as my path.
I still remember when he told me about dinosaurs, plants, even bacteria, I went to elementary school, joyful, sharing all my new discoveries with my friends.
Growing up, my curiosity has grown as well, the same astonishment I had as a child remained today when I discover every day something more about life at the molecular and atomic level.
I ask myself every day the famous question “what is life?”
I think any biologist should start looking for the answer right where life was born: the bottom of the sea.
Not surprisingly, animals, to say the least, beautiful and perhaps far wiser than us, an answer they had found, giving up the weight of life on earth, diving into the deep blue forever.
Daniele
Una bella rappresentazione di capodoglio, presente sulla Promenade des cetaces a Varigotti, simbolo della passione di Daniele per la biologia marina

Estate 2018 in video!

Volete sapere cosa è successo quest’estate del Progetto Delfini del Ponente?        Ecco qui il riassunto di questi mesi in un bel video!

Curious to discover what happened in these months of Delfini del Ponente Project? Have a look to this video!

Page 1 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén