Delfini Del Ponente - Costabalenae.it

Coastal Dolphin Research Project

Tag: environment

News dell’ultima settimana

[Eng below] Questa settimana con Costa Balenae è stata interessante. Non potendo uscire in mare abbiamo fatto tanta photo ID nei primi giorni, finalmente il tempo ha deciso di aiutarci permettendoci di uscire per vedere i cetacei…anche se loro non sapendo questo non si sono fatti avvistare! Ma non ci possiamo lamentare, infatti siamo riusciti ugualmente ad avvistare tre sule, alcune berte minori, qualche cormorano e marangone e un martin pescatore in diverse occasioni!si scruta l'orizzonte alla ricerca dei cetacei

Certo, avrei preferito vedere anche tusiopi (o qualsiasi altro cetaceo) come la settimana scorsa quandoli abbiamo incontrati; ma penso di essere stata la persona più felice sul gommone quando abbiamo incontrato qualcos’altro: un pesce luna! E’ stato il mio primo incontro con questo pesce buffo. Sapevo bene quanto fosse grande, peró sapere e vedere sono due cose differenti: è veramente grandissimo! Inoltre, quando ci siamo fermati ieri per pranzo abbiamo visto unoctenoforo che nuotava sotto la superfice. Questi invertebrati sono stupendi e misteriosi a loro modo. Non so spiegare perché, ma meduse e ctenofori da sempre rappresentano il mistero del profondo, per me.

team di sole donne!

Essendo il primo internship della mia vita, quasi tutte le cose sono “le prime” per me, ma penso che niente possa oltrepassare il primo avvistamento dei tusiopi cosí vicini che se avessi allunto un braccio avrei quasi potuto sfiorarli! Decisamente il momento che stavo sognando da tutta la mia vita :D!

P.s.: abbiamo anche lavorato due giorni di questa settimana e cosí avendo qualche soldo possiamo mangiare più gelati!=P

[Dorka]

This week was very interesting with Costa Balenae. Although in the first days we couldn’t go out to the sea so we did a lot of photo ID, at the weekend finally the weather wanted us to see cetaceans, even though the dolphins not being aware of this we couldn’t spot them, unfortunately. But! Other marine animals seemed to know about our intention to meet them, so we could see three gannets, plenty of Mediterranean shearwaters, some cormorants and a Kingfisher this latest was seen several times J .

Costa Balenae e il Progetto Delfini del Ponente

Certainly, I wanted to see bottlenose dolphins (or any other kind of cetaceans) like last week, when we spotted them, but still, I thought I was the happiest person on the Zodiac when I noticed something else: a Mola mola! It was my first encounter with this funny fish. I knew that’s a huge animal, but knowing and seeing something in real life are two different things. It’s big indeed! Additionally, when we stopped for having lunch yesterday we saw a Ctenophora swimming underneath the surface beneath our boat. It was so beautiful and somehow full of secrets. I couldn’t explain why, but for me, jellyfish and Ctenophora have always meant the mystery of depth.

il team al rientro da un'uscita

Being on the first internship in my life almost everything is „the first” for me, but I think nothing can surpass the first sighting of bottlenose dolphins so close to us if I had reached my arms I could have touched them.  That was the moment what I had been dreaming of since I was a little, innocent child 😀 !

avvistatrici in azione

In brackets: we also had a two-day job this week and so earning some money we can eat more gelati.

[Dorka]

Dall’Ungheria al Mar Ligure, Dorka!

Da quando ho 7 anni, sono sempre stata interessata al mondo marino, peró vivendo in Ungheria, un paese circondato dalla terra, é stato abbastanza difficile acquisire una conoscenza appropriata del mare e delle sue creature. Mi sono laureata in Biologia per intraprendere il mio sogno di diventare una biologa marina. Dato che, fino ad ora non ho mai fatto esperienza nel campo della Biologia Marina, ho deciso di provare a participare a questo progetto. Ho pensato “provare non costa nulla e forse saró abbastanza fortunata da essere accettata”. E lo sono stata.

Mi ricordo che la prima domanda di Davide é stata se avessimo mai visto un tursiope e ho come avuto la triste sensazione di dover essere l’unica a rispondere “no” :-). Il fatto di non avare mai visto un tursiope é stata una delle pricipali motivazioni per cui volessi unirmi alla coperativa Costa Balenae. Uno dei miei desideri é quello di imparare da un team professionale –e posso dire che loro sono molto professionali 😀 – e allo stesso tempo studiare delfini e cetacei nel loro habitat naturale. La prima settimana con Costa Balenae é stata molto interessante, abbiamo parlato di foto identificazione, della regione costiera ligure e della tecnica combinata d’identificazione acustica e photo ID usata nello studio delle megattere, inoltre abbiamo anche fatto un’avvistamento da terra.

Posso dire con certezza che sto riuscendo a fare tutto quello che ho sempre voluto. Durante questo progetto potró imparare tante nuove competenze, migliorare la mia conosenza sull’ambiente marino e imparare a studiare gli animali corettamente; inoltre grazie a Costa Balenae potró farlo in Italia, un paese meraviglioso abitato da gente belissima, circondata da esperti seri e gentili!

[Dorka]

Dorka la nostra stagista ungherese durante l'attività di land base survey

I have always been interested in marine wildlife since I was 7, but living in a landlocked country like Hungary it was difficult enough to gain an extended knowledge of sea and its creatures. I obtained my Bachelor’s degree in Biology for getting closer to my aim to become a marine biologist, although I haven’t had any experiences in marine sciences until now. Therefore I decided to take part in this project. I thought “let’s give it a shot and I might be lucky enough to be accepted”. I was lucky.

I remember that the first question of Davide was if we had ever seen bottlenose dolphins before. I felt like I was the only person in this world whose answer would be “no” :- ). That was one of the main reasons why I wanted to join Costa Balenae for this month: to see bottlenose dolphins. I also would like to get some experiences and knowledge from a professional team, and I can say they really are professionals :D, while I would like to see marine creatures in their natural habitat and study them adequately. The first week with CB was very interesting, we learnt about photo identification, the Ligurian coastal region, and about the combined technique of photo and acoustic identification of humpback whales, and furthermore, we did a land-base survey.

I feel that I can say I managed to do what I wanted. With Costa Balenae I will learn a lot of new skills and build up a broader knowledge of the marine environment and I will learn how to study it while being with open, committed and fancy experts in Italy what is an impressive country full of beautiful people :D.

[Dorka]

Un incontro unico… i capodogli!

[Eng below] Loïc ci racconta l’emozionante incontro con 2 capodogli a sole 4 miglia da Imperia, il 7 agosto 2018.

Era stata una giornata lunga, di quelle con tanto sole, zero vento, un caldo da paura e ahimè, zero delfini tursiopi…Quelle giornate che ti spompano, insomma!

Ma, quando ormai avevamo la prua in direzione dell’entrata del porto di Imperia, abbiamo avuto un incontro incredibile! Lontano dalla costa, coi binocoli, ecco delle pinne..troppo al largo per essere tursiopi. E’ un gruppo grosso e avvicinandoli ogni dubbio sparisce, sono stenelle striate! ‘Fermi tutti, un soffio!’ dice Davide. Ed è un soffio di quelli in avanti, che non ti lasciano dubbi: un capodoglio! Un secondo soffio, più distante appare e si ripete per 20 volte per poi sparire con il primo nelle profondità. I due animali sono a caccia nel canyon sottomarino sul quale ci troviamo, quindi abbiamo un pò di tempo per spegnere il motore e fare un meritato spuntino. I capodogli infatti stanno in immersione tra i 30 e i 45 minuti e di solito riemergono in prossimità del punto di immersione.Capodogli avvistati durante le uscite del progetto di ricerca Delfini del Ponente

Allo scoccare del 35esimo minuto, ecco i due odontoceti che riemergono insieme, a fianco e…si ‘liberano degli scarti’! Per chi si stesse chiedendo com’è la cacca di un capodoglio bè, posso assicurarvi che è parecchio puzzolente! Un bel respiro e via, nuovamente giù nelle profondità del mar Ligure…uno spettacolo unico, vedere le due enormi pinne caudali risalire una dopo l’altra nel dare la spinta verso il basso!Capodoglio in immersione e capodoglio che si riposa, mar Ligure, Delfini del Ponente

Alcuni minuti più tardi, decidiamo di fare un esperimento e vedere se è possibile sentire gli animali in immersione: i capodogli infatti, utilizzano l’ecolocalizzazione per scovare le loro prede preferite, i calamari. Allo stesso modo dei pipistrelli, producono,  tramite un vero e proprio biosonar, onde sonore molto potenti che rimbalzano contro gli oggetti fornendo indicazioni precise all’animale su quello che ha intorno. Mettendo la testa in acqua, a lato del gommone, ecco che in lontananza sentiamo due serie distinte di ‘clicks’ ripetuti…Sono loro, sicuramente concentratissimi nella ricerca del pranzo!

Questa sì che è stata un’esperienza unica, anche se, poco ma sicuro, i due capodogli ci hanno defecato addosso! =)

[Loïc]

 

Loïc tells us the incredible encounter with two sperm whales only 4 nautical miles from Imperia, on the 7th August 2018!

Sperm whales on the hunt

After having spent long hours on the sea, and not having spotted our targets (Bottlenose dolphins), we have had the chance to spot something else!

Far from the shore, where we do not expect to see Bottlenose dolphins, we spot a fin, and it is a big group: there is no doubt, it is a group of Striped dolphins. While we come closer to them, we see a blow on the surface of the water, but it is not straight, it has an angle. This is a clue that tells us that we are not in presence of a fin whale but of a Sperm whale. A second one, further away, surfaces, and after having breathed more than 20 times, they dive. That leaves us some time to stop the motor and eat breakfast while the sperm whales eat their morning squids. They spend at least 30 minutes underwater and we know that they will surface not far from where they dove.

Coda di un capodoglio che si immerge al largo di Imperia, avvistato da Costa Balenae

We then had the chance to see them surface together, and to see them “relieve themselves”. If any of you wonders what sperm whales poop smells like, it does smell very bad. After having filled their lungs with air, they finally fluke together, in a majestic movement and we can wave goodbye to them.

Soffio di due capodogli, avvistati durante le uscite di ricerca del Progetto di ricerca Delfini del Ponente

A few minutes afterwards, we decided to see if we could hear them: sperm whales find their prey with echolocation, just as bats do, but with very intense “clicks” that you can hear from a consequent distance. So from the side of the boat, we put our heads in the water, and as expected, we could hear them clicking, making different patterns, with an increased speed when they get closer to their meal. This has been an amazing experience, even though they clearly pooped on us…

[Loïc]

Non solo delfini…

[Eng below] Durante le nostre uscite per il progetto non solo raccogliamo dati ambientali e sui cetacei, ma ci concentriamo anche su tutta la fauna marina che incontriamo. Fin dalle prime uscite ci siamo imbattuti in numerosissimi uccelli marini: gabbiani corallini, berte maggiori e minori, sule sia adulti che giovani, cormorani e marangoni dal ciuffo e da qualche giorno anche diverse specie di sterne.

Fauna marina: una sterna comune prende il voloFauna marina: Gabbiano corallino fra gabbiani comuni

Numerosi anche i pesci: praticamente ad ogni uscita incontriamo diversi pesci luna, il pesce osseo più Fauna marina: Un pesce luna che si scalda in superficiegrande al mondo, che molte volte rimane a galla su un fianco a riscaldarsi al sole. Durante le uscite primaverili, abbiamo anche incontrato diverse aguglie imperiali, un pesce endemico del Mediterraneo, che sta spostando il suo areale di distribuzione verso la parte più settentrionale del bacino a causa del riscaldamento delle acque.

Un incontro davvero speciale e unico è avvenuto nella giornata del  11 maggio.

A poche centinaia di metri da Capo Mimosa all’improvviso abbiamo notato delle macchie rosse al di sotto della superficie del mare. Avvicinandoci lentamente abbiamo subito capito di cosa si trattasse. Enormi banchi di krill, (piccoli gamberetti rossi). Di solito si trovano molto più in profondità e al largo e sono tra il cibo preferito della balenottera comune.Il Krill, piccolo crostaceo di cui si cibano le balenottere comuni

Animali a parte continua anche la raccolta di macro rifiuti galleggianti, che andando avanti nell’estate stanno diventando sempre più numerosi. Durante l’uscita del 19 luglio il nostro team ha potuto raccogliere 3 palle di plastica, un canotto gonfiabile e due materassini da campeggio della Decathlon.Il team Costa Balenae recupera rifiuti galleggianti

Davide

During our project surveys we do not only collect environmental data and cetacean’s data, but we also focus on all the marine fauna we encounter. From the first surveys we came across numerous seabirds: different species of terns, shearwater, gannet and cormorans!

Un beccapesci incontrato nei survey in Mar Ligure Una berta minore che spicca il volo

We often meet different species of fish: one of the most frequent sighting is Mola mola, the sunfish. It is the biggest among the bony fish and spends a lot of time at the surface feeding or ‘sunbathing’. During the Spring we met Tetrapturus belone, the Mediterranean spearfish, several times. This Mediterranean endemic species, normally found in the central and southern regions, is now expanding its areal due to the higher water temperature in the north.Pesce luna in superficie

A very special encounter was on the 11th of May. A few hundred meters far Capo Mele, we noticed some unusual red spots at the surface. Getting closer, we realised what it was: krill, a small crustacean that forms big schools at depht and far from the coast. It is the favourite food of the fin whale, the second biggest animal in the world!

Now, the sun palloncino ad elio trovato galleggiare sulla superficie dai nostri biologiad part of our encounters. We keep on sighting and collecting big amounts of plastic trash floating at surface. On the 19 July our team collected 3 plastic balls, 2 air mats and an inflatable dinghy!

Davide

Conferenza Stampa del Progetto

Giovedì 26 giugno è stato ufficialmente presentato alla Camera di Commercio di Imperia il progetto di ricerca Delfini del Ponente. Erano presenti giornalisti, sponsors e studenti. Ecco una breve intervista a Barbara, Presidente di Costa Balenae, ed Elena, Biologa marina della Cooperativa, realizzata da Riviera Time.

On the 26th of June, the Project Delfini del Ponente was officially launched at the Camera di Commercio in Imperia. Several journalists, sponsors and students attended the press conference. At the link, a brief interview by Riviera Time to Barbara Nani, President of Costa Balenae, and Elena Fontanesi, marine Biologist, explaining the Project.

Un progetto per sapere tutto sui delfini del Ponente ligure

 

Senza speranze finché…

[Ita in fondo] La mattina del 25 aprile abbiamo ricontrollato le meteo quella decina di volte, indecisi se fare un tentativo in mare o lasciar perdere e andare a festeggiare l’importante data con qualche grigliata a casa di amici. Come presumibile, non ci siamo lasciati vincere dal pessimismo delle previsioni e per le 14 eravamo sul gommone: Davide, Federica ed io (Elena). Il mare non era quello che si può definire olio, anzi! Infatti dopo una mezz’ora di survey eravamo quasi dell’idea di rientrare…ma, come ben si sa, ‘chi la dura la vince’!

delfini davanti Aregai

Ci stavamo muovendo verso la secca di Santo Stefano, al largo di Aregai, quando Davide col binocolo vede dei grossi spruzzi, ripetuti. ‘Un tonno o un pesce spada’ è stato il pensiero di tutti e tre…ma i salti continuavano, come a dire: ‘Sveglia, siamo qui!’  Deviamo dal nostro transetto, direzione mare aperto, e avvicinandoci iniziamo a intravedere la sagoma tipica del tursiope che salta..e che salti!! Forza, è la volta buona!

Delfini vicino a Bussana

In pochi istanti ci troviamo circondati da questi splendidi animali, sono sparsi su un’area piuttosto vasta, si muovono a gruppetti e sono attivissimi. Davide al timone, Elena con la macchina fotografica pronta e Federica da spotter, la formazione è  schierata per iniziare con la foto-ID. Cerchiamo di raggiungere tutti i delfini e fotografarne la dorsale, le onde non ci aiutano ma ci rendiamo presto conto che sono almeno 15-20 tursiopi! Uno, molto curioso, ci passa sotto al gommone guardandoci. Altri poco più distanti saltano, tirano fuori la pinna caudale, interagiscono fra loro.

Seguiamo gli animali spostandoci tra i vari gruppi per una mezz’ora  e li lasciamo all’altezza di Arma di Taggia.   Che emozione, il primo incontro del Progetto Delfini del Ponente!

[Elena]

 

Coda di tursiope con barca a vela

On the morning of 25th of April we were checking the weather conditions for the 10th time in an hour, deciding if it was worth giving a chance to the survey or it was more appropriate to give up with the dolphins and join some friends’ bbq.

As expected, after some discussions, at 2 pm the three of us, Davide, Federica and I (Elena), were on bord the Yacht Club Imperia zodiac. The sea was all but calm, and the use of binoculars was not easy at all. I guees we were all thinking the same : ‘ Let’s try for some more minutes and then go back on land, no chance to see anything today!’. We were moving close to the ‘Santo Stefano shoal’, off Aregai, when Davide exclaimed:’ Something is jumping, out there! Possibly a tuna or a sword fish!’ But the jumps continued as telling us: ‘Come on, we’re here!’

Delfini tursiopi sulla Secca di Santo Stefano

So we moved out  our transect to get closer the splashes, and soon we could the the profile of a big dolphin out of the water making incredible jumps: a bottlenose! We realised we were in between something like 15-20 dolphins spread in a big area, very active and playful and divided in several subgroups. Davide at the steering, Elena with the camera ready and Federica spotting the dolphins in between the waves, we were definitely ready for some photo-ID! We spent about half an hour moving in between the groups, collecting photos of the dolphins’ dorsal fins. Some of them were socialising, some others were travelling and one came close to our zodiac and gave a good look at us…we were not the only curious out there!

What a great start for Delfini del Ponente research project!

[Elena]

Delfini che giocano fra le onde

Delfini del Ponente

Il nostro biologo Davide ci racconta il Progetto Delfini del Ponente!

Davide, biologist of Costa Balenae explains our Project!

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén