Delfini Del Ponente APS

Associazione di promozione sociale

Page 2 of 11

Andrea: alla ricerca delle meraviglie del Santuario!

Ciao a tutti,
Mi chiamo Andrea Carolina, ho 23 anni e sono studentessa di Biologia Marina  presso l’Università di Aberdeen (Scozia).
Sin da quando ero piccola il mio sogno nel cassetto era di diventare Biologa Marina per studiare tutte le fantastiche specie di animali e piante che si possono trovare in questi ambienti. Dopo il Liceo Scientifico, ho deciso di conseguire una laurea in Scienze e Tecnologie per l’Ambiente che mi ha permesso di approfondire la mia conoscenza degli ecosistemi e delle varie componenti ambientali. Tuttavia, una volta finita questa laurea mi sono accorta che volevo studiare più a fondo l’ambiente marino, fortemente impattato dalle varie attività umane, legali e non. Per questo motivo mi sono rimessa sotto con lo studio.
Sono una grande appassionata di immersioni, sebbene abbia iniziato solamente da un anno a praticare questo sport e abbia solamente fatto esperienze nelle fredde acque scozzesi… per cui non vedo l’ora di avere occasione di fare sub qui in Italia.

L’anno scorso ho preso parte, per un periodo di due settimane, ad una attività di ricerca per la conservazione delle tartarughe marine comuni Caretta caretta in Grecia e questa esperienza mi ha fatto comprendere, una volta per tutte, che non sono fatta per un lavoro di ufficio, ma che il mio lavoro ideale comprende anche e soprattutto lavoro sul campo.

A parte qualche avvistamento da costa di delfini avvenuto in Scozia, non ho mai avuto l’occasione di avvistare da vicino dei cetacei; eppure nei nostri mari ed in particolare nel Santuario del Pelagos ce ne sono di diverse specie e dimensioni. Per questo motivo appena sono venuta a conoscenza dell’internship proposta da Delfini del Ponente ho deciso di candidarmi, con la speranza di essere accettata e sempre sperando che il COVID-19 non mi togliesse questa opportunità.
Per il momento, causa condizioni non favorevoli, siamo confinati a lavoro di ufficio, ma ciò nonostante non ci si annoia. Stiamo infatti trascrivendo i dati degli avvistamenti fatti durante le uscite passate e svolgiamo anche attività di foto identificazione.

Non vedo l’ora di partecipare ad una uscita in mare e di fare alcuni (meglio tanti) incontri con le varie specie di cetacei della zona… e perché no… anche con qualche altra specie marina (tartarughe, pesci luna … la lista dei desideri è lunga).
Teniamo le dita incrociate, sperando che le condizioni meteo migliorino, così da poter uscire in mare e anche per avere qualche bella foto da condividere con tutti voi.

A presto,
Andrea Carolina

 Delfini del Ponente

Hello everyone,
my name is Andrea Carolina, I’m 23 years old and I’m a student of BSc Marine Biology at the University of Aberdeen (Scotland).
Since I was a child, I’ve always dreamed to become a marine biologist to study all the fantastic species of both plants and animals that can be found in these habitats. After high school (Liceo Scientifico), I decided to get a degree in Environmental Sciences and Technologies. This course allowed me to deepen my knowledge of the different ecosystems as well as the major components of the natural world. However, after my first degree, I realised that I wanted to gain a better understanding of the marine environment, that is one of the most impacted by human activities, legal and illegal. That’s why I decided to go back to study.
I have a real passion for diving, even though I just started a year ago and I’ve only just experienced the cold Scottish waters… that’s why I can’t wait to do some dives here in Italy.

For two weeks, last summer, I took part in a research programme in Greece focused on the conservation of Loggerhead sea turtles Caretta caretta. This experience clarified to me, once and for all, the fact that my ideal job will not see me trapped in an office, but will need to include as many field activities as possible.
Except for some dolphin sightings from the Scottish coasts, I’ve never had the chance to see cetaceans up close, even though in the seas surrounding Italy, and in particular in the Pelagos Sanctuary, there are different species and of different sizes. This is the reason why, as soon as I discovered it, I decided to apply for the internship with Delfini del Ponente, hoping to get the position and that the COVID-19 situation would allow me to take part in it.
So far, the weather has not been ideal, therefore we are stuck in the office, but nevertheless we are not bored at all. As a matter of fact, we are transcribing the sightings of past surveys on the laptops and we are also working on photo-ID of bottlenose dolphins.

I cannot wait to go out on the zodiac and have some encounters (the more the merrier) with the different species of cetaceans found in this area… and also, why not… with some other marine species (sea turtles, sunfish … the wish list is really long).
Finger crossed, hopefully the weather conditions will improve, so that we will be able to go out at sea and take some nice pictures to share with you all.

See you soon,
Best fishes,
Andrea Carolina

Caretta caretta Pelagos

Un’esperienza che lascia il segno!

Ciao a tutti!

Il mese di luglio è volato via e con esso, a mio dispiacere, siamo arrivati alla fine di questa magnifica avventura, prima di salutarci però  è giunto il momento di raccontarvi cosa è successo nelle ultime settimane!

Tenetevi pronti, ne sono successe delle belle!

Purtroppo niente fortuna per me… il 20esimo avvistamento è stato merito di Serena:( però Davide ha preso il gelato per tutti quindi è andata bene in ogni caso!!

stenella striata

Finalmente però dopo quasi un mese sono riuscita ad avvistare i tursiopi pure io!

Che emozione appena li vedi e urli “delfinoooo!!” e parte l’inseguimento per avvicinarci a loro… ora almeno posso tornare a casa sodisfatta e con la speranza di essere stata d’aiuto e di aver contribuito al progetto il più possibile!

In un bel gruppetto abbiamo addirittura avvistato il secondo nato dell’anno… era piccolissimo è carinissimo!

Immaginate un po’…. ho pianto tantissimo per l’emozione!

Al ritorno dall’uscita con la Corsara abbiamo avvistato un altro gruppo di tursiopi fuori da Imperia!

Figuriamoci se Davide se li faceva scappare…siamo andati di corsa al gommone per uscire di nuovo in mare e identificare il gruppo!

L’ultimo giorno di survey è stato il migliore e anche il più triste. Abbiamo fatto tre avvistamenti e nel bel mezzo della nostra rotta ci ha colto di sorpresa una nuvola di pioggia!

E come ha detto Davide: “Survey bagnato, survey fortunato!”.

Aveva proprio ragione, l’ultimo avvistamento è stato meraviglioso! Un gruppo di stenelle molto curiose ci hanno accompagnato in prua per un po’.

Vi chiederete qual è la parte triste di questa giornata…purtroppo perché era la mia ultima uscita in gommone ma state certi che prima o poi ritornerò!

Ho apprezzato davvero tutto di questo tirocinio. Non mi aspettavo tutte queste emozioni, anzi non pensavo che questa esperienza potesse influenzare completamente la mia vita(in maniera positiva naturalmente).

Torno a casa con un bagaglio pieno di nuove conoscenze e la consapevolezza di voler specializzarmi in questo campo e in futuro renderlo il mio lavoro!

ddp progetto ricerca

Tutto questo lo devo a Davide Aschieri ed Elena Fontanesi che non riuscirò mai a ringraziare abbastanza. Queste due magnifiche persone si sono sempre dimostrate disponibili, professionali e che in primis sono riuscite a trasmettermi l’amore per il mare, per i cetacei e l’entusiasmo nel partecipare ad un progetto così affascinante!

Ringrazio anche Serena Gallizia, che oltre a seguire noi stagisti con grande pazienza è diventata più di una semplice coinquilina, tra risate nel tempo libero e la serietà nelle ore lavorative siamo riuscite a legare davvero molto.

Infine ringrazio anche il mio compagno di avventura Alex con cui ho condiviso questa magnifica esperienza e il numero di specie di cetacei incontrati, ⅝… niente male eh!?

Ma chi l’avrebbe mai detto che ora vado via con la consapevolezza che un giorno farò ritorno ad Imperia.

Ormai si è creato un legame davvero profondo con la Liguria, il suo mare, il suo clima e ovviamente con il Team di Delfini del Ponente che qui ci lascio addirittura un pezzo di cuore.

Ora però con gran tristezza e qualche lacrima è giusto il momento di salutarci.

Mi mancherà tutto questo…

A presto amici!

Anastasia

Delfini del Ponente internship

Hello everyone!

The month of July has flown away and with it, to my regret, we have reached the end of this magnificent adventure, before saying goodbye, however, the time has come to tell you what has happened in the last few weeks!

Get ready, some good things have happened!

Unfortunately, I wasn’t so lucky… the 20th sighting was thanks to Serena 🙁 but Davide took ice cream for everyone so it went well in any case !!

gelato premio avvistamenti

Finally, however, after almost a month I managed to spot the bottlenose dolphins!

What a thrill as soon as you see them and yell “dolphinn!!” and so the chase begins to be able to get closer to them… now at least I can go home satisfied and with the awareness of ​​having contributed to the project as much as possible!

In a large group, we even spotted the second born of the year… he was very small and very very cute!

Just imagine… I cried a lot for the emotion!

Upon returning from the Corsara exit, we spotted another group of bottlenose dolphins outside Imperia!

Imagine if Davide let them slip away… we ran to the zodiac to go out to sea and identify the group!

The last day of the survey was the best and also the saddest. We made three sightings and in the middle of our transect, a rain cloud caught us by surprise!

And as Davide said: “Wet survey, lucky survey!”.

He was right, the last sighting was wonderful! A group of very curious striped dolphins accompanied us in the bow for a while.

You will wonder what is the sad part of this day… unfortunately because it was my last survey in the boat but you can be sure that sooner or later I will return!

I really enjoyed everything about this internship. I didn’t expect all these emotions, I didn’t think that this experience could completely influence my life (in a positive way of course).

piccolo neonato delfino

I come home with a bag full of new knowledge and the awareness of wanting to specialize in this field and make it my job in the future

All this I owe to Davide Aschieri and Elena Fontanesi whom I will never be able to thank enough. These two magnificent people have always been available, professional and who primarily managed to convey their love for the sea, for cetaceans and the enthusiasm to participate in such a fascinating project!

I also thank Serena Gallizia, who in addition to following us interns with great patience has become more than just a roommate, between laughter in the spare time and seriousness in working hours we have been able to tie a lot together.

Finally, I also thank my adventure companion Alex with whom I shared this magnificent experience and the number of cetacean species encountered, ⅝ … not bad right!?

But who would have thought that now I am leaving this place with the awareness that one day I will return to Imperia.

By now a very deep bond has been created with Liguria, its sea, its climate and of course with the Delfini del Ponente Team!

Now, however, with great sadness and a few tears, it’s time to say goodbye.

I will miss all this…

See you soon friends!

Anastasia

ddp project

Gli incontri particolari di Luglio

[ENG below] Salve a tutti!

Eccomi qui con il mio secondo articolo per Delfini del ponente. Che mese è stato luglio! Un sacco di avvistamenti dall’ultimo mio post sul blog.

Da dove cominciare?

Innanzitutto, ho avuto finalmente l’occasione di vedere un capodoglio, ma non solo. Durante la nostra ultima uscita per il monitoraggio cetacei, assieme alla Corsara, la nave di whale watching, siamo riusciti a vedere tursiopi, stenelle e quattro esemplari di questo odontocete, uno dei quali è persino saltato fuori dall’acqua! E’ stato emozionante e mozzafiato. L’aspetto di ricerca è arrivato dopo, durante l’analisi dei video dell’immersione di uno degli individui. Infatti, siamo stati in grado di riconoscere una deformità fisica vicino alla coda dell’animale che potrebbe aver spiegato il suo anomalo stazionare in superficie.

coda cetaceo Pelagos

Per quanto riguarda i nostri ultimi survey, purtroppo, non sono stati altrettanto di successo e ricchi di avvistamenti. Secondo Davide è stato un mese particolare: non molti avvistamenti di tursiope ma diversi incontri inaspettati.

Dopo tre giorni di survey senza alcun avvistamento di cetacei, durante la nostra ultima spedizione siamo rimasti impressionati dalla grazia e maestosità di una balenottera comune. Che sorpresa!

Avvistare una balenottera dal gommone non è così semplice come sembra. Anche se è uno degli animali più grandi al mondo è comunque difficile avvistarne il dorso nell’immensità del mare… per fortuna l’occhio allenato di Davide non ha mancato l’esemplare e siamo stati in grado di osservare da vicino una balenottera di 13-15 m.

fin whale mediterranean sea

Immaginate la sensazione di trovarvi in mezzo al mare, insieme ad altre tre persone, lontano da altre imbarcazioni e avere di fronte il secondo animale più grande al mondo, più grande persino della nostra imbarcazione!

Di certo l’emozione si è fatta sentire, mentre, con le lacrime agli occhi, ero grato di poter assistere a tale spettacolo…

Il mio mese qui è quasi giunto al termine, siccome abbiamo solo uno o due survey rimasti e non avrei mai immaginato di vedere ciò che ho visto in mare.

Ora come ora sono grato per tutto e spero di poter tornare un giorno in questo mare ricco di animali magnifici!

Alex

delfini del ponente

Hello everybody!

Here is my second article for Delfini del Ponente. What a month July has been! Lots of sightings since the last time I reported on this blog.

Where to start?

First of all, I finally achieved to see a sperm whale, and not only that, since during our last expedition to monitor cetaceans, together with the whale watching boat Corsara, we managed to see bottlenose and striped dolphins and four individuals of this odontocete, one of which even leapt out of the water! It was amazing and breathtaking. The research aspect came in after analysing the videos of the dive behaviour of one of the individuals. In fact, we were able to detect a physical deformity close to the tail, which could have explained its odd lingering on the surface.

As for our last surveys, unfortunately, they were not as successful and full of sightings. It has been a weird month, according to Davide: not many dolphins, but few and very impressive sightings.

After three surveys gone without any spotted cetaceans, on our last survey, we were astonished by the grace and majesty of a fin whale, what a surprise!

Spotting a fin whale from the dinghy is not as easy as it sounds. Even if it’s one of the biggest animals on the planet is still difficult to precisely spot its back in the immensity of the sea… Fortunately, Davide’s trained eye didn’t miss the animal and we were able to see a 13 to 15 mt fin whale from a very close distance.

fin whale

Imagine what it’s like to find yourself, together with three other people, almost no one around and, in front of you the second largest animal on the planet, bigger than your current marine transport!

For sure the emotion for the encounter hit hard and tears were almost coming down, being blessed to witness such a spectacle…

July is almost over now and we only have probably one or two more surveys left, and I would never have imagined seeing what I saw out at sea. Right now I am grateful for everything and I hope to return one day to this sea full of majestic animals!

cheers,

Alex

research project

Due settimane di incontri emozionanti!

Ciao a tutti!

Siamo già a metà mese e sembra solo ieri che io sia arrivata ad Imperia…ed è proprio vero che quando si fa qualcosa che si ama il tempo vola.

Queste prime due settimane sono state intense e piene di emozioni. Tra la sveglia delle 5.00 per uscire in gommone, le ore in ufficio e le varie lezioni la fatica si fa sentire, ma non mi lamento perché tutta la fatica è sempre stata ripagata dagli avvistamenti!

internshipDurante la seconda uscita in gommone abbiamo avvistato un gruppo di stenelle striate…ma che gruppo, era un mega gruppone! È stato spettacolare, ero cosi emozionata che non sapevo da che parte guardare, erano ovunque!

Molte nuotavano sotto il gommone altre erano più curiose e si avvicinavano a noi per guardarci un po’ più da vicino. Per essere stato il mio primo incontro con loro è stato fantastico!

costa liguria

Anche la terza uscita è stata spettacolare, dopo tante ore a scrutare il mare siamo riusciti ad avvistare dei gruppi di tursiopi! Rispetto alla prima volta questi erano molto calmi e cauti però sempre bellissimi…solo al pensiero di averli visti mi emoziono!

Sulla Corsara (Liguria Whale whatching) finalmente ho avuto modo di vedere anche delle balenottere comuni! Che creature immense…cosi vicine all’imbarcazione che sono rimasta stupefatta perché ho avuto modo di vedere quanto piccoli siamo noi rispetto a loro.

sunrise

Non pensate che sia finita qui però…oltre ai cetacei, seguendo la nostra rotta in mare, ho avuto la possibilità di vedere due pesci luna (Mola mola). Che creature bizarre non trovate?

Ho visto anche qualche tartaruga e molti uccelli marini come le berte, le sule e l’uccello delle tempeste…ve l’ho detto, la fatica è sempre stata ripagata da queste magnifiche creature che popolano il mare!

Non credevo che la vita in mare potesse essere così meravigliosa e piena di vita. Non ci si annoia mai credetemi, ogni giorno è una nuova sfida a chi avvista per prima! Non vedo l’ora di tornare in gommone e avvistare un gruppo di tursiopi cosi da meritarmi un bel gelato da Davide!

Auguratemi buona fortuna…alla prossima, ciaoooo!

Anastasia

delfini santuario cetaceiHello everyone!

We are already in the middle of the month and it seems only yesterday that I arrived in Imperia…and it’s true that when you do something you love time flies.

These first two weeks were intense and full of emotions. Between the alarm clock at 5.00 am to go out in the boat, the hours in the office and the various lessons I’m feeling the fatigue, but I don’t complain because all the effort has always been rewarded by sightings!

During our second survey, we spotted a group of striped dolphins…but what a group, it was a mega group! It was spectacular, I was so excited and I didn’t know which way to look, they were everywhere!

Many of them swam under the dinghy, others were more curious and approached us for a closer look…for being my first meeting with them it was fantastic!

Even the third exit was spectacular, after so many hours to look at the sea we were able to spot some groups of bottlenose dolphins! Compared to the first time these groups were very calm and cautious but always beautiful…just the thought of having seen them I get excited!

On the Corsara ( Liguria Whale watching) I finally saw some Fin whales! What immense creatures…they were so close to the boat that I was amazed because I got to see how small we are compared to them.

Don’t think it’s over here though…besides the cetaceans, following our route at sea, I had the chance to see two moonfish (Mola mola). What bizarre creatures don’t you find?

shearwater

I also saw some turtles and many seabirds such as shearwaters, gannet birds and the bird of the storms…I told you, the effort has always been rewarded by these magnificent creatures that populate the sea!

I never thought life at sea could be so wonderful and full of life. You never get bored, believe me, every day is a new challenge to be the first sighter! I can’t wait to get back in the dinghy and spot a group of bottlenose dolphins so I deserve a nice ice cream from Davide!

Wish me luck…until the next sighting, ciaoooo!

Anastasia

ricerca sunrise

I primi Delfini del Ponente di luglio!

Alex ci racconta il suo primo incontro con i Delfini del Ponente: un gruppetto di tursiopi molto curiosi e oltre cento stenelle! [Eng below]

Ciao, sempre io!

Oggi vi voglio parlare delle mie due prime uscite di ricerca. Sin da quando sono arrivato in Liguria sono stato catturato dal fascino del mare blu di fronte a me ed emozionato all’idea di monitorare i cetacei dal nostro gommone.

Il primo giorno nessuno si aspettava di vedere i delfini così come li abbiamo visti. Il primo indizio, indicativo della loro presenza, è stata una pinna dorsale che sbucava fuori dall’acqua, avvistata prontamente dall’occhio allenato di Elena. Mentre ci avvicinavamo a loro eravamo tutti ipnotizzati dalla bellezza di questi animali sotto di noi. I delfini, che si approcciavano giocosamente alla nostra imbarcazione e che ci studiavano da vicino ci hanno regalato un’esperienza emozionante, persino per Davide ed Elena: non è comune, a quanto pare, che i delfini liguri si avvicinino così tanto agli esseri umani.

delfino gommone

L’emozione è durata per quasi mezz’ora mentre questi seguivano la nostra rotta e il nostro vascello. Quest’esperienza è stata sicuramente una delle più incredibili che io abbia mai vissuto con un animale nel suo ambiente naturale, sia per l’intimità del momento (eravamo solo 4 persone con 4 delfini, a solo un metro sotto di noi!) che per la maestosità di questi cetacei, che credetemi, sono molto più grandi rispetto ai mammiferi terrestri che siamo soliti vedere in Europa.

La nostra seconda uscita è stata altrettanto memorabile, quando la nostra piccola squadra si è ritrovata circondata da un gruppo di oltre 150 stenelle striate. Questi animali saltavano, nuotavano, ci osservavano e studiavano da vicino.

Ancora una volta, essere seduti in un così piccolo spazio (sul nostro gommone di ricerca), mentre un esercito di animali grande quanto una piccola città nuota attorno a te è un’altra esperienza che non dimenticherò!

Ora sono super emozionato all’idea di cosa avverrà dopo e di quali nuove specie potremo avvistare durante questo mese in Liguria con Delfini del Ponente.

Alex

delfini del Ponente

 

Hi Again!

Today I want to talk about my first two days of surveys. Since I arrived in Liguria I was captivated by the beautiful blue of the sea and excited by the perspective of monitoring cetaceans from our research dinghy.

On the first day no one was expecting to see the dolphins the way we did. The first clue, indicative of their presence was a distant dorsal fin, popping out of the water, spotted by Elena’s trained sight. As we approached the animals, we were all amazed by the gentle creatures we had below us. The playful dolphins approaching our boat and studying us up close was a thrilling experience for Davide and Elena as well: apparently, we were lucky, as it is uncommon for the Ligurian dolphins to come this close to humans.  delfini del ponente

The thrill lasted for almost half an hour as the beautiful cetaceans were moving towards our direction and following our research dinghy. This experience was probably one of the most exciting I have ever had with wild animals in their natural environment, both for the intimacy of the encounter (we were only 4 people with 4 dolphins, just 1 mt below us!) and their majesty, since, believe me, they are far bigger than any other land mammal we commonly encounter in Europe.

On our second day of surveys, the feeling was almost as intense, when our little crew found itself surrounded by over 150 striped dolphins out at sea. The animals were leaping and swimming, observing and studying us.

Being again in such a little space, while an army of animals the size of a small town swims all around you is another experience I will not forget!

Now I am super excited for what is coming next, and which other new species I might be able to see during this month in Liguria with Delfini del Ponente!

Alex

occhio tursiope pelagos

Alex: dai lupi ai delfini!

Conosciamo Alex, stagista di luglio, appassionato di fotografia naturalistica, montagna e di natura! [Eng below]

Ciao!

Il mio nome è Alexandru Amariei, per gli amici Alex, e sono un appassionato di fauna ed ecologia da quando ero bambino. Sono da sempre stato un grande amante delle spedizioni scientifiche, esplorative e dello studio del comportamento animale. Sono un ragazzo di origini messicane e rumene, e vivo in Italia da quando avevo quattro anni.

La mia formazione è principalmente iniziata in montagna: da quando avevo 15 anni sono stato un assiduo frequentatore delle montagne dell’Appennino centrale, arrivando ben presto a vedere e conoscere tutte le sue specie, tra le quali anche le più emblematiche come il lupo, il camoscio, l’orso e l’aquila reale.

Da un paio d’anni a questa parte, proseguendo i miei studi in Inghilterra, alla University of Bristol, mi sembrava scontato tornare ai luoghi di sempre durante il mio tempo libero, così ho deciso di ampliare i miei orizzonti, e seppur dispiaciuto di abbandonare l’alta quota per un po’, ho iniziato ad esplorare il fascino del mare e delle creature che lo abitano. Così, prima la Sardegna e poi la Liguria mi hanno chiamato a loro. Sull’isola mediterranea ho compiuto una settimana di volontariato per conto della LIPU, censendo ed osservando i falchi della regina nel loro ambiente naturale. Successivamente, la seguente estate, mi sono spostato in Liguria, da dove ora scrivo questo articolo.

Delfini del ponente è stato un progetto scoperto per caso, del quale non avevo ancora sentito parlare. Informandomi di più sul loro sito e vedendo le foto delle loro uscite di ricerca sono stato immediatamente catapultato in un paradiso blu, fatto di avvistamenti e raccolta dati: un sogno per un aspirante biologo!

La pima uscita non ha deluso le aspettative, ed ancora una volta l’Italia mi ha sorpreso. Nonostante viva qui dalla tenera età ogni anno scopro e vedo cose che continuano a mozzarmi il fiato. Il primo incontro con i tursiopi è stato sicuramente tra questi: vederli gioiosi curiosare il gommone ad appena un metro dalla prua è un’esperienza che sicuramente non dimenticherò e che per un istante mi ha fatto diventare di nuovo quel bambino sorpreso per le più semplici cose.

Alex

 Delfini del Ponente Internship

Hi!

My name is Alexandru Amariei, Alex for friends, and I am a nature and ecology lover since I was a kid. I was always passionate about scientific and explorative expeditions as well as the study of animal behaviour. I have mixed origins, both Romanian and Mexican, but I live in Italy since I was four.

My field formation mainly took place in the mountains: since I was 15 I used to often visit the Central Apennines, getting to know and see every species in their wild environment, especially the most charismatic ones, such as wolves, chamois, bears and golden eagles.

For a couple of years now, continuing my academic career at the University of Bristol it seemed too obvious to go back to those same places I always used to visit, so I decided to expand my horizons and, even if sadden by my temporary absence from the high peaks, I started exploring the beauty of the seas and the creatures that inhabit them. First Sardinia, then Liguria grabbed my attention. On the Mediterranean island, I volunteered for a week monitoring and counting Eleanor’s falcons together with LIPU organization. The following summer I moved to Liguria, from where I am writing this article.

Delfini del Ponente was a project which I found by case, which I had not yet heard of. Getting more info on their website and seeing the pictures from their expeditions I was instantly immersed in this blue paradise made of animal sightings and data collection: the dream for an aspiring biologist!

The first survey did not disappoint, and once again I was surprised by this country.

Even if I have lived here for years, every year I discover and see things which are simply breathtaking. My first encounter with the bottlenose dolphins is definitely among these: watching them playfully observing and studying us one meter from the dinghy is an experience I am not going to forget and which, for a moment, made me feel like a child once more, surprised by the most simple things.

Alex

Intern Delfini del Ponente

Dall’Adriatico al mar Ligure: ecco Anastasia!

Studentessa di Scienze Ambientali alla scoperta delle meraviglie del Santuario Pelgos, conosciamo Anastasia! [Eng below]

Ciao!

Mi chiamo Anastasia, ho 22 anni e sono una studentessa di Scienze Ambientali all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Il prossimo anno si concluderà il mio percorso in triennale ed è arrivato il momento per capire che strada intraprendere in futuro…

La passione per la natura e gli animali ce l’ho nel sangue e nonostante io abbia studiato lingue alle superiori non ho mai abbandonato l’interesse per la biologia, anzi ho avuto modo di capire che non sono fatta per stare in ufficio dietro ad una scrivania 8 ore al giorno.

Voglio viaggiare, scoprire luoghi incontaminati salvaguardando la flora e la fauna che popola il nostro magnifico pianeta. Ovviamente avrete capito anche voi che al momento della scelta dell’Università non ho esitato un secondo e mi sono scritta ad un corso scientifico.

Il mondo marino e in particolare quello dei cetacei purtroppo non è un campo da me molto conosciuto, mi sono sempre reputata una persona da montagna, potete immaginare perché…il mare del nord Adriatico non è famoso per la sua bellezza, però in compenso la parte alpina è magnifica, ve lo assicuro!

Ho cominciato ad avvicinarmi di più al mondo marino poco tempo fa, quando ho avuto la possibilità di scoprire, visitando alcune zone della Croazia e alcune isole della Grecia, che il mare può stupirti con le sue magnifiche sfumature di azzurro cristallino!

Come sono finita a partecipare a questo progetto “Delfini del Ponente”?

Semplicemente perché ho deciso di fare un tirocinio…dopo un bel po’ di ricerche sulla home del gruppo di università spicca un post “Tirocinio e stage 2020. Progetto di ricerca Delfini del Ponente”. Mi sono informata e dopo aver compilato i vari moduli d’iscrizione speravo con tutto il cuore di essere scelta ecco che arriva l’email in cui mi informano che sono stata presa e wow mi è sembrato un sogno poter partecipare ad un progetto del genere, ma ora che sono qui è ancora più spettacolare di quello che pensavo!

Sono qui già da qualche giorno, Davide ed Elena sono delle persone fantastiche, sempre disponibili e molto professionali, sono riusciti a trasmettermi il loro amore per queste creature…

Siamo già usciti diverse volte in mare, ma non potrò mai dimenticare il mio primo incontro con un gruppo di Tursiopi, molto curiosi nei nostri confronti e come ci ha detto Davide, siamo stati davvero fortunati perché solitamente sono più diffidenti. È stato uno dei momenti più emozionante della mia vita, il mio primo incontro con queste magnifiche creature non poteva essere più spettacolare di così, avevo addirittura le lacrime agli occhi!!

Non vedo l’ora di uscire di nuovo in mare aperto e provare nuovamente delle forti emozioni nel vedere questi bellissimi mammiferi marini liberi nel proprio habitat!

Anastasia

Intern Delfini del Ponente

Hey!

My name is Anastasia, I am 22 years old and I’m a student of Environmental Sciences at the Ca’ Foscari University of Venice. Next year I will end my university career and it’s time to understand what path to take in the future…

The passion for nature and animals is in my blood and although I studied languages in high school I never abandoned my interest in biology, in fact, I have understood that I am not meant to work behind a desk 8 hours a day.

I want to travel, discover unspoilt places while safeguarding the flora and fauna that populate our magnificent planet.

Of course, as you have realized at the time of choosing the University I did not hesitate a second and I enrolled in a scientific course.

The marine world and especially the cetaceans one is not a field I know a lot, I have always considered myself a mountain person, you can imagine why…the North Adriatic Sea is not famous for its beauty, but on the other hand the Alpine part is magnificent, I can assure you!

I began to get closer to the marine world a short time ago, when I had the opportunity to discover, visiting some areas of Croatia and some islands of Greece, that the sea can amaze you with its magnificent shades of crystalline blue!

How did I end up participating in this project “Delfini del Ponente”?

Because I decided to do an internship…after a lot of researches, on the Home of the group of universities stood out a post “Tirocinio e stage 2020. Progetto di ricerca Delfini del Ponente”. I looked it up and after filling out the various registration forms I hoped with all my heart to be chosen…and here it comes the email informing me that I was taken and wow it seemed like a dream to be able to participate in such a project, but now that I’m here, it’s even more spectacular than I thought!

I’ve been here for a few days, Davide and Elena are wonderful people, always available and very professional, they managed to pass on their love for these creatures to me…

We have already gone out several times at sea, but I will never forget my first meeting with a group of Tursiops truncatus (bottlenose dolphins), very curious about us and as Davide told us, we were really lucky because usually they are more wary.

It was one of the most exciting moments of my life, my first encounter with these magnificent creatures could not be more spectacular than that, I even had tears in my eyes!!

I can’t wait to go out in to the sea and feel again some amazing emotions to see these beautiful marine mammals free in their natural habitat!

Anastasia

stagista luglio

 

 

Codamozza, la balena senza coda

L’amore per il mare, i suoi abitanti e la loro salvaguardia è sempre stato un chiodo fisso nella mia mente.

Entrando nell’associazione Delfini Del Ponente e svolgendo avvistamenti assieme a persone esperte e amici, mi ha fatto innamorare ancora di più a queste tematiche e soprattutto alla ricerca e alla vita da ricercatore.

Proprio con l’eccezionale avvistamento della balenottera comune più famosa del momento, Codamozza, lo è stato ancora di più.

Già alle prime luci dell’alba, durante il briefing iniziale si percepiva qualcosa di eccezionale e che sarebbe stata una giornata speciale; il pronostico non si è fatto attendere.

Fluker whale tailess Dopo aver avvistato, monitorato e foto-identificato nei pressi dell’Isola Gallinara un gruppo di circa 12 delfini tursiopi, ecco che arriva la comunicazione che tanto attendavamo (nel bene e nel male): “Codamozza è nei pressi di Alassio e si sta dirigendo verso Ponente!”. Dopo qualche telefonata e maggior informazione ricevuta, ecco che lasciamo il gruppo di tursiopi e ci dirigiamo nel sito dove è avvenuta la segnalazione.

Subito ci accorgiamo delle difficili condizioni fisiche in cui l’animale si trova: molto magro a causa dell’handicap dovuto alla mancanza della pinna caudale così da non permetterle una normale immersione a elevate profondità e quindi cibarsi di krill, molto stressato dovuto all’eccessivo traffico marittimo e soprattutto a causa dei più “curiosi” che si avvicinano oltre il limite di sicurezza all’animale.

Dopo qualche tentennamento su come approcciare l’animale, decidiamo di osservarlo e monitorarlo con l’uso di binocoli prendendo i tempi di immersione ed emersione, senza causargli eccessivo stress tenendoci ad una giusta distanza per un animale in difficoltà.

Assieme a noi del team Delfini Del Ponente era presente la Guardia Costiera, svolgendo un lavoro straordinario e al tempo stesso minuzioso facendo attenzione che nessuna barca da diporto o da pesca potesse intralciare o spaventare Codamozza.

La parte più critica, da quando abbiamo iniziato a monitorare l’animale, è stata sicuramente la prima ora e mezza, quando all’altezza di Capo Mele si trovava ad una profondità di 5 metri! Ovviamente noi del team, eravamo col fiato sospeso e facevamo il tifo per Codamozza scongiurando un possibile spiaggiamento.

Fortunatamente, questa balenottera sfortunata ma con uno spirito e un cuore da balena si è allontanata da costa seguendo una batimetria più elevata rimanendo comunque vicino a costa e lasciando ogni persona sbigottita ed incredula. Dopo averla monitorata per ben 5 ore, all’altezza del porto di Imperia, abbiamo lasciato il testimone ad un altro istituto di ricerca.

La storia di Codamozza, è incredibile ma allo stesso tempo rattrista ed il lieto fine molto probabilmente non ci sarà. Con la sua tenacia e la voglia di vivere, ce la sta mettendo tutta anche senza una porzione di corpo che per un animale di queste dimensioni è importantissima.

Spero che la storia di questa balenottera sia di esempio a molte persone: che tutti i giorni lottano per qualcosa (in questo caso per la sopravvivenza).

Quello che ci sta insegnando questa balena è che non bisogna mai mollare a ogni difficoltà, anche se la ruota non gira come vorremmo; perché alla fine in questo mondo siamo un po’ tutti Codamozza.

Al prossimo avvistamento!

Lorenzo Minoia

 

balena senza coda

 

The love for the sea, its inhabitants and their preservation has always been a fixed nail in my mind.

Joining the association Delfini Del Ponente and carrying out sightings together with expert people and friends, has made me fall even more in love with these themes and especially with research and life as a researcher.

Just with the exceptional sighting of the most famous common whale of the moment, Codamozza, it was even more so.

Already at the first light of dawn, during the initial briefing something exceptional was perceived and that it would be a special day; the prediction was not long in coming.

After having sighted, monitored and photo-identified a group of about 12 bottlenose dolphins near Gallinara Island, here comes the communication that we were waiting for (for better or worse): “Codamozza is near Alassio and is heading west!”.

After a few phone calls and more information received, here we leave the group of bottlenose dolphins and head to the site where the report was made.

Immediately we realize the difficult physical conditions in which the animal is found: very thin because of the handicap due to the lack of the caudal fin so as not to allow a normal dive at high depths and then feed on krill, very stressed due to excessive maritime traffic and especially because of the more “curious” who approach beyond the safety limit to the animal.

After some hesitation on how to approach the animal, we decide to observe and monitor it with the use of binoculars taking the dive and surfacing times, without causing it excessive stress by keeping a right distance for an animal in difficulty.

Together with us of the team Delfini Del Ponente the Coast Guard was present, doing an extraordinary and at the same time meticulous work making sure that no pleasure boat or fishing boat could get in the way or frighten Codamozza.

The most critical part, since we started monitoring the animal, was definitely the first hour and a half, when at Capo Mele was at a depth of 5 meters! Obviously, we in the team, we were in suspense and we were cheering for Codamozza and we avoided a possible beaching.

Codamozza whale tail lessLuckily, this unlucky whale but with a whale’s spirit and a whale’s heart moved away from the coast following a higher bathymetry, staying close to the coast and leaving every person astonished and incredulous. After having monitored her for 5 hours, at the port of Imperia, we left the witness to another research institute.

The story of Codamozza, is incredible but at the same time sad and the happy ending will most likely not be there. With his tenacity and will to live, he is trying hard even without a portion of the body that for an animal of this size is very important.

I hope that the story of this whale will be an example to many people: that every day they fight for something (in this case for survival).

What this whale is teaching us is that we must never give up at every difficulty, even if the wheel does not turn as we would like; because in the end in this world we are all Codamozza.

Until the next sighting!

Lorenzo Minoia

Bye-bye Léna!

Salutiamo la nostra Intern Coordinator Léna con il suo racconto di questi mesi un pò particolari! [Eng below]

Ciao a tutti!

Sono arrivata a fine febbraio, e nonostante il lockdown è stata una bellissima esperienza !

Abbiamo aspettato di uscire in mare con molta pazienza e nel frattempo, con il team e la nostra stagista Giulia, abbiamo fatto un mese di lezioni a casa tramite Skype.

delfini sunset liguria

Quando finalmente siamo riusciti ad uscire di nuovo in mare, a maggio, abbiamo avuto tanta fortuna ! Condizioni meteo bellissime, con tanti avvistamenti : gruppi di stenelle striate, tursiopi presenti ad ogni uscita e anche molte specie di uccelli : berte maggiori e minori, sule, skua, uccelli delle tempeste… e una tartaruga Caretta caretta. Uno degli avvistamenti più spettacolari è stato quello di due capodogli ! Poter avvicinarli dal gommone è stata un’esperienza magica, ed aspettarli sotto il sole ne è valsa la pena !

Anche le mie ultime uscite di giugno sono state molto ricche ! Sempre più avvistamenti di uccelli marini : berte e sule giovani, diversi gruppi di tursiopi ! Senza dimenticare il primo bagno dell’anno dal gommone ! Ma sopratutto, l’incontro con Codamozza e il suo monitoraggio, è stata un’esperienza davvero indimenticabile e molto impegnativa. Auguro un esito positivo al viaggio di questa balenottera.

ricerca tursiopi gommone bagno liguriaIl mio ultimo avvistamento è stato quello dei tursiopi al tramonto. Un vero spettacolo! Niente di meglio per concludere questa avventura !

Davide e Elena, sono delle persone molto amichevoli, interessanti e appassionate al loro lavoro. Mi hanno insegnato molto, sulla foto identificazione per esempio, e sono davvero felice di aver fatto parte della team Delfini del Ponente. Penso anche a Enrico, con cui ho potuto imparare di più sugli uccelli, e anche a Lorenzo con cui ho fatto gli ultimi survey.

Questi mesi sono stati molto formativi e mi sono piaciuti così tanto che avrei voluto stare più a lungo. Seguirò comunque con attenzione e curiosità le prossime avventure di questo team !

Grazie a tutti. Alla prossima.

Léna

capodoglio liguria coda balena

We say good-bye to our Intern Coordinator Léna with her tales from these unusual months!

Hi everyone!

I’ve arrived at the end of February, and despite the lockdown, it has been an amazing experience!

We waited to go out at sea very patiently and in the meantime, with the team and our intern, Giulia, we did a month of lessons at home via Skype.

When we finally managed to go out at sea again, in May, we were so lucky! Beautiful weather conditions, with many sightings: groups of striped dolphins, bottlenose dolphins present at each survey, and also many species of birds: shearwaters, gannet, skua, storm petrel… and a sea turtle Caretta caretta. One of the most spectacular sightings was that of the two sperm whales. Being able to approach them from the zodiac was a magical experience and waiting for them under the sun was totally worth it!

uccello marino Ddp

Even my last surveys in June have been very rich! More and more sightings of sea birds, different groups of bottlenose dolphins. Without forgetting the first swim of the year from the boat! But above all, the encounter with Fluker and its monitoring was a truly unforgettable and very demanding experience. I wish a positive outcome for the trip of this whale.

Fluker whale tailess

My last sighting was that of the bottlenose dolphins at the sunset. A real show! Nothing better to end this adventure!

Davide and Elena are very friendly people, interesting and passionate about their work. They taught me a lot, about photo-identification for example, and I’m really glad to have been part of the Delfini del Ponente team. I also think of Enrico, with whom I was able to learn more about birds, and also of Lorenzo with whom I’ve done the ultimate surveys.

These months have been very formative and I’ve liked it so much then I wish I could have stayed longer! However, I will follow with attention and curiosity the next adventures of this team!

Thank you all. Until next time.

Léna

Davide ed Elena

Che Maggio !!

Ecco l’intervista fatta da Riviera Time ai nostri biologi Davide ed Elena sui grandiosi avvistamenti fatti dopo il lockdown e sulle riprese delle attività della nostra associazione

Ecco il link

 

Page 2 of 11

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén